Torna a Castellammare del Golfo

Balata di Baida

Castellammare del Golfo offre siti archeologici di mirabile interesse non solo all’interno del suo borgo, ma anche in località rurali limitrofe.

A circa 9 kmda Castellammare del Golfo ha sede una piccola comunità agreste chiamata Balata di Baida.

La nascita di Balata di Baida è di remota memoria, infatti, risale alla dominazione araba. L’omonimo castello costruito su un’elevazione di circa300 metri si pone a guardiano dell’intero borgo.

Le notizie bibliografiche ci riportano al XIII-XIV sec. d.C., dove il Castrum Bayde viene incluso tra le terre dei castelli di Sicilia.

Dopo una serie di concessioni, avvenute nel corso dei secoli, si arriva al 1565 quando Giovanni Corbino Torres ricevette il titolo di Barone di Baida.

Il Castello di Baida è delimitato da un muro di cortina, i locali interni erano adibiti ad abitazioni e stalle, e, vi era la presenza di una cappella.

La fortezza era provvista di torri, di cui rimangono alcuni reperti, trattasi della torre d’angolo a pianta ottagonale e una torre, ancora ben conservata, a forma quadrangolare. Il materiale utilizzato per la realizzazione del Castello di Baida è la pietra legata con malta e frammenti di tegole.

Il fortino ha subìto delle modifiche nel corso dei secoli, per poi essere trasformato in dimora, dai privati che lo abitano.

Balata di Baida durante le festività natalizie concede ai suoi visitatori un momento di devozione spirituale attraverso la preparazione del presepe vivente. Il presepe vivente di Balata di Baida è ambientato tra il castello di Baida e la strada provinciale per Trapani.

Le abitazioni sono trasformate in quadri viventi che rievocano i mestieri della vita contadina. I personaggi che recitano all’interno del Presepe vivente indossano vestiti d’epoca e utilizzano gli antichi strumenti degli agricoltori.

L’atmosfera è resa ancora più incantevole dal contesto ambientale, incorniciato dalla vegetazione tipica dei paesaggi siculi come fichi d’india e ulivi.

Si consiglia di munirsi di fotocamera per immortalare i momenti e le atmosfere spiritual-folk del presepe vivente di Balata di Baida