Torna a Castellammare del Golfo

Madonna Delle Scale e Madonna Delle Grazie

La Madonna della Scala

Il culto della Madonna della Scala ha una storia antica che risale al 7 settembre 1641. Quel giorno una pastorella si trovava sulla montagna di Castellammare del Golfo per portare il suo gregge al pascolo.

La giovinetta d’improvviso fu travolta da un temporale e spaventata dovette trovare riparo all’interno di una grotta.

Durante il suo soggiorno nella grotta scoprì una scatola d’argento in cui vi era incisa una sigla della Madonna; aprendola trovò l’immagine della Madonna col Bambino e un Crocefisso. La Madonna della Scala in seguito a questo episodio apparve in sogno alla madre della pastorella, invitandola a condurre sul luogo dell’apparizione una processione di bambine vergini, “Li Virgineddri”. La donna accolse onorata l’invito della Madonna e prima di accompagnare le bambine, diede loro un piatto di pasta con le fave, ossia pasta di casa, chiamata in dialetto “li tagghiarini” con fave cotte e “spicchiate”.

Da quel giorno il luogo accolse la costruzione di una Chiesa, dedicata alla Madonna della Scala. La location della Chiesa è molto particolare perché si trova su un altura che va scendendo lungo il mare, accompagnata da una scalinata. La scoperta di questa chiesetta può essere un’occasione per godere di un’imperdibile panorama, per cui si consiglia di munirsi di fotocamera e di indossare calzature comode.

L’8 settembre si festeggia la Madonna della Scala, la tradizione vuole che sulla Piazza di Porta Fraginesi, venga preparata e servita la pasta con le fave.

I festeggiamenti procedono con la processione delle Vergini seguita dai fedeli che recitano il Rosario. Il popolo di Castellammare del Golfo mostra una fervente devozione nei confronti della Madonna della Scala.

Negli annila Madonnaha graziato molti ammalati e molti camionisti.

Il tratto di strada statale187, aridosso della Chiesa è molto rischioso, ma miracolosamente alcuni camionisti sono rimasti illesi durante pericolosi incidenti stradali.

 

La Madonna delle Grazie

La Chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie si trova sulla piazzetta che prende il suo nome, vicino alla villa comunale di Castellammare del Golfo.

I documenti fanno risalire la costruzione del Santuario al decennio compreso tra il 1614  e il 1624. I locali della chiesa hanno subìto negli anni delle modifiche interne, soprattutto in seguito all’ubicazione degli altari.

Nei primi del ‘700 gli interni erano impreziositi da tre altari: il primo dedicato alla Madonna delle Grazie, gli altri a S. Rosalia e a S. Antonio.

Negli anni, gli spazi interni al Santuario cambiarono e furono predisposti in questo modo: l’altare dedicato a Santa Rosalia fu sostituito con Sant’Eligio e al posto di Sant’Antonio fu inserita la statua della Madonna Addolorata.

La cura e la gestione interna della Chiesa sono affidati alla congregazione religiosa delle “Orsoline del SS. Crocifisso”.